Open bar

E’ andata così: una collega del Disaster ci invita per un party di saluti, si trasferisce altrove. Siamo invitati a presentarci a casa sua e della compagna alle 7.30, “… se volete portate una bottiglia, noi faremo i cocktail …”

Arriviamo con il dovuto ritardo, salutiamo, veniamo presentati a un gruppo eterogeneo di uomini e donne che non conosciamo o conosciamo di vista.
“Che cocktail volete?” ci chiede la padrona di casa indicando la lista dei drink e un tavolo stracarico di bottiglie di alcolici, frutta e annessi, una cosa da far invidia a un bar di medie dimensioni.
Vada per un Margarita, tanto per cominciare.

Il resto si riassume così: chiacchiere e risate a proposito di tutto un po’ con gente proveniente da mezzo mondo, coppie etero, coppie omo, single, studenti, genitori, Italiani che si riconoscono come italiani dopo 15 minuti di chiacchiere in inglese, due cani timidi e divertenti, un fire pit sul patio intorno al quale finiamo per sederci dopo l’una, stuzzichini vari, e tanti, tanti cocktail.

Alle 3, dopo l’ennesimo “Sex on the beach” ci si saluta; speriamo di rivederci prima o poi perché é stata una serata molto piacevole e persone piacevoli se ne incontrano sempre meno.

NdA: prima che qualcuno mi sgridi: io ho smesso di bere alcolici presto in quanto autista designata.
Advertisements
This entry was posted in InDue and tagged , . Bookmark the permalink.

2 Responses to Open bar

  1. brava, hai fatto bene a specificare, perchè ti stavo già per cazziare..
    comunque: “open” e “bar” sono due parole che messe vicine stanno da dio…. 🙂
    ed infine…beh, dalla descrizione, sembra sia stata davvero una serata piacevole. Ci si siede, si beve un pochino, si chiacchiera molto, “senza impegno” (“Dicendo cose che il tacer è bello sì com’era il parlar colà dov’era”, direbbe Dante), e……e si sta bene 🙂
    Giusto venerdì, ero al bar con un mio amico che ieri è partito per 2 mesi in sudafrica: un tavolino, due caffè, due amari, due chiacchiere sul campionato e sui sistemi operativi della micrsoft, cervello e cuor leggeri…
    meglio di così….
    (si, Disaster, LO SO cosa ci sarebbe meglio di così, ma ora non lo scrivo!! 🙂 )

  2. Giovy says:

    Fantastico… ah… mi ci vorrebbe anche a me una serata cocktail

Any comments?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s