Meet me in the land of hope and dreams

Sunderland (Newcastle), profondo nord Inghilterra, un posto dove quando chiedi come sono le previsioni del tempo per la giornata del concerto, la gente scuote la testa e ti spiega benevola che pioverá, come se fosse ovvio e aggiunge che loro ci sono abituati perché: “we have wet feet”. Voi avrete anche i piedi bagnati ma io no e vorrei non stare sotto il diluvio mentre ascolto il Boss. Perché voi laggiú nella penisola del sole, vi immaginate il temporale estivo: rapido e caldo, e vi sbagliate perché al nord quando va bene ci sono 15 gradi e se inizia a piovere é facile che prosegua per giorni. Chiedetelo agli alluvionati di Manchester.

Invece no, siamo fortunati. Dopo una giornata monsonica, durante la quale io e il Disaster abbiamo oziato a dovere dentro un pub. Il cielo verso sera si calma e noi ci incamminiamo carichi e positivi verso lo stadio dei Black Cats, locale squadra di calcio. Stadio molto bello che da lontano intravediamo nella nebbia … nebbia il 21 giugno, non scherzo. I bagarini offrono biglietti, anche qui. Gli ingressi aprono, ci infiliamo in un tornello chiaramente progettato per resistere a una banda di hooligans, troviamo il nostro settore, decidiamo di fare un giretto esplorativo che é presto, birretta in bottiglia di plastica, t-shirt e gira e rigira arriva il momento. Arrivano le limo del Boss e senza tanti preamboli si parte. Il Boss é il Boss e con il primo giro di chitarra dichiara che questo é il tempo che voleva a Sunderland, niente sole, ma pioggia, nebbia e freddo, scende vicino al pubblico e si prende un po’ di nebbia sul viso. Ok, Boss, io ti voglio bene e ti ringrazio per il pensiero ma … ti perdono perché inizi a cantare, la band pare carica e noi siamo qui per questo. La nebbia si alza, puntuale con la prima canzone.

Tre ore e rotte di musica ininterrotta, di divertimento puro, di canzoni cantate senza risparmiare il fiato, di corse sú e giú per il palco, di chitarre cambiate, di fiati suonati con divertimento e naturale emozione, di fisarmonica a bocca, di America, di un minuto di silenzio per quelli della band che non ci sono piú ma son sempre lí … tutto quello che ti aspetti da Springsteen e anche di piú.
Emozioni, brividi lungo la schiena, saltare, ballare e cantare insieme, a volte mano nella mano, ogni tanto guardarsi e baciarsi, stringersi molto, perché se li leggi quei testi hanno sempre qualcosa da dirti ed é la cosa giusta, é la cosa di cui hai bisogno. Pochi altri come Springsteen riescono a dire sempre la cosa giusta e a farti stare bene anche quando “hard times come” perché se lo dice lui che poi “hard times go” io ci credo e stringo i denti.

Grab your ticket and your suitcase
Thunder’s rollin’ down this track
Well, you don’t know where you’re goin’ now
But you know you won’t be back
Well, darlin’ if you’re weary
Lay your head upon my chest
We’ll take what we can carry
Yeah, and we’ll leave the rest

Big wheels roll through fields
Where sunlight streams
Meet me in a land of hope and dreams

Well, I will provide for you
And I’ll stand by your side
You’ll need a good companion now
For this part of the ride
Leave behind your sorrows
Let this day be the last
Tomorrow there’ll be sunshine
And all this darkness past

Big wheels roll through fields
Where sunlight streams
Oh meet me in a land of hope and dreams

Advertisements
This entry was posted in Genio, InDue and tagged , , , . Bookmark the permalink.

3 Responses to Meet me in the land of hope and dreams

  1. thecicken says:

    il Boss, in una parola sola 🙂

  2. smilablomma says:

    presente come alluvionata di manchester. un incubo. qua il boss ha suonato in un clima che sarebbe stato normale a novembre….

  3. nordkappp says:

    presente anch’io come seconda alluvionata di Manchester. E poi essendo alluvionata in bicicletta conta di più. Cmq tornando al Boss, è bello leggere un post pieno di emozioni.

Any comments?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s