An ex-parrot pushing up the daisies

Io e il Disaster ci siamo appena fatti un regalo, due biglietti per un’evento storico del 2014: uno spettacolo dal vivo, London O2 Arena, dei Monty Python. Se non li conoscete é male, ma é anche normale perché in Italia non sono mai arrivati davvero, se si escludono i film.
Mi domando poi se i film siano mai usciti nelle sale italiane e scopro per esempio che ‘Brian di Nazareth’ in Italia é uscito in ritardo di 12 anni! per darvi un’idea di chi siano posso solo dirvi che alcuni dei Monty Python erano nel cast di un film vistissimo, anche grazie alla frequenza con cui la Rai lo propone: ‘Un pesce di nome Wanda’.
Divago.
I Monty Python sono il massimo esempio di quello che si definisce umorismo britannico. Negli anni ho scoperto che il british humor o lo capisci o no, o lo ami o ti irrita. Non ci sono vie di mezzo. Inutile dirvi da che parte sto io.
Ho anche sviluppato una teoria personale per cui se non capisci, se non apprezzi l’umorismo britannico, in questo paese non ci puoi sopravvivere. E’ un misto di autoironia e di masochismo, di doppi sensi a volte sottili a volte no, di giochi con il linguaggio …
I Monty Python sono datati, certo, anche scivolare su una buccia di banana é datato, ma fa sempre ridere, vederli dal vivo sará speciale.

Advertisements
This entry was posted in JustForFun, SoBritish and tagged , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to An ex-parrot pushing up the daisies

  1. damanera70 says:

    Ho sempre sostenuto “o lo ami o lo odi: non ci sono vie di mezzo” per tutto il mondo britannico (ho iniziato ad andare in UK all’eta’ di 10 anni). Il senso dell’umorismo e’ uno dei tanti aspetti di un mondo unico e assolutamente isolato e diverso da cio’ che gli sta intorno, molto piu’ che altri paesi: non saprei trovare in che cosa i britannici sono simili a qualcun altro. La mia e’ un’osservazione assolutamente neutra, che non implica alcun giudizio ne’ (s)gradimento, dopo la mia limitata esperienza di vita e di vacanze in giro per l’Europa e come turista ricorrente in UK.

  2. damanera70 says:

    il concetto si applica a singoli aspetti della cultura britannica: non poter soffrire alcune cose e adorarne altre.

    • Anna8 says:

      Concordo! Infatti io adoro questo popolo che ogni tanto sa essere irritante da morire: alcuni aspetti si amano, altri non si sopportano :). Il bilancio per me é peró sempre positivo.

      • damanera70 says:

        Al momento non sopporterei di vivere in UK (per quello che mi preme ora, dopo 11 anni in Austria, che mi sto godendo pienamente nel sud della Francia), ma magari fra una decina di anni sara’ quello che desidero.

Any comments?

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s